Ciaspolata Monte Cervati


FacebookWhatsAppTwitterPinterestGoogle+Condividi
ciaspolata-cervatiCiaspolata Monte Cervati  Dati tecnici: Tipologia: E fino al rifugio Cervati EE dal rifugio Cervati alla vetta Distanza: Km 14 circa a/r Tempo di percorrenza: 8 ore circa con soste Raduno: ore 06:45 Agropoli (Stadio Guariglia) ore 8:30 Piaggine Partenza Trekking: ore 9:30 Fontana dei Caciocavalli Pranzo a sacco Consigli per l’escursionista: Scarpe da Trekking, impermeabile, abbigliamento di ricambio, acqua, cappellino, macchina fotografica Soci e Tesserati F.I.E.: 8€ incluso di affitto delle ciaspole  (con ciaspole personali 3€) Non soci: 13 € incluso di affitto delle ciaspole (con ciaspole personali 8€) Comunicare la propria adesione entro giovedi 18 febbraio per provvedere alla prenotazione delle ciaspole. Responsabile escursione: Danilo Palmieri  335 6312 821 e-mail: info@cilentotrailtrek.it oppure compila il form che trovi in fondo alla pagina. Note Tecniche: La partenza dell'escursione, in base alle condizioni meteo, potrebbe subire cambiamenti legati  al luogo di partenza e arrivo dell'escursione. FOTO ESCURSIONE

Il Cervati

Il Cervati (o Cervato) è un monte del subappennino lucano di 1.898 m s.l.m. situato in provincia di Salerno, territorialmente in Campania, ai confini con la Basilicata. È il più alto del Cilento è una la vetta più alta della regione Campania. Situato al centro-sud del Parco nazionale del Cilento e Vallo di Diano, nella grande area forestale di Pruno, si trova principalmente nei comuni di Sanza e Piaggine. Il corpo montuoso tocca anche il comune di Monte San Giacomo. Nei pressi della cima, a devozione della Madonna della Neve si trovano un piccolo santuario, a 1.852 m, ed una cappella situata in una grotta naturale, a 1.830 m. Non molto distante dal Santuario della Madonna della Neve,  si trova un inghiottitoio carsico caratterizzato dalla presenza perenne di neve e per tal ragione conosciuto come Nevera. Il massiccio mostra le sue pareti a strapiombo, incise da profondi canaloni e numerosi torrioni e guglie, spettacolari e caratteristiche, proprio dal versante di Piaggine, con ai piedi i boschi misti e le faggete che si aprono di tanto in tanto in radure ricche di vegetazione in estate e, ricche di neve in inverno. Ovunque regnano la pace ed il silenzio nella natura incontaminata, rotti solo dallo scampanio degli animali.   L’inghiottitoio di Vallivona invece offre un affascinante fenomeno carsico, si trova sul versante sud-occidentale del Monte Cervati ed è facilmente raggiungibile dalla sterrata che da Sanza conduce in vetta. Si tratta di una vera e propria voragine con pareti calcaree alte fino a 100 metri che ospita un particolare microambiente umido dall’aspetto primordiale. Nel periodo invernale, la cascata che zampilla da una delle pareti sul minuscolo laghetto stagnante crea delle concrezioni ghiacciate di estrema suggestione. Il vasto territorio del parco offre alle specie animali una grande pluralità di ambienti e qui vi vivono tra i Mammiferi la Lepre Italica, il Molosso di Cestoni, il Lupo e la Lontra – mammifero di acqua dolce che vive solo in acque pure e cristalline, numerosissima anche la presenza di cinghiali e qualche cervo.Tra gli uccelli invece diffusi i rapaci come l’Aquila reale, il Biancone, il Falco pellegrino, il Lanario, il Corvo imperiale, il Gufo reale. [contact-form-7 404 "Not Found"]